A PROPOSITO DI ALBERI “SEMPRE VERDI”… Un dialogo a due voci fra Natura e Cultura


Dal 16 dicembre al 12 febbraio 2017, il Museo delle Scienze di Trento ospita Arborea. I monumenti vegetali di Beth Moon e Federica Galli, una mostra dedicata alla bellezza della natura, osservata con stupore e offerta con originalità al pubblico da due artiste di fama internazionale.

Di origini cremonesi, Federica Galli (Soresina, 1932 – Milano, 2009) frequenta il Liceo Artistico di Milano e si diploma in pittura alla Accademia di Belle Arti di Brera (1954). Subito Federica riconosce nell’acquaforte il linguaggio più efficace per esprimersi e rendere giustizia al proprio talento: in cinquant’anni di attività arriva a realizzare e ad esporre in tutto il mondo con grande successo circa un migliaio di incisioni. Sue fonti di ispirazione sono i paesaggi della pianura padana, le vedute di Milano e di Venezia e soprattutto gli alberi secolari, tematica condivisa, seppure a distanza, con la fotografa statunitense Beth Moon (Neenah, 1956).

Quest’ultima, a sua volta, completati gli studi artistici presso l’Università del Wisconsin, si trasferisce in Inghilterra, alla ricerca delle più antiche e affascinanti specie arboree del pianeta, per ritrarle in una formidabile serie di scatti in bianco e nero. In essi, surreali coreografie di astri animano l’oscurità della notte, vibrando al canto che la terra sprigiona nel primordiale silenzio cosmico, attraverso lo slancio verticale degli alberi. L’estrema precisione dei dettagli e delle sfumature cromatiche che caratterizzano i suoi lavori è ottenuta mediante l’uso della tecnica di stampa al platino-palladio, più duratura di quella all’argento e, forse proprio per questo, adatta a rendere la longevità degli stessi soggetti ritratti.

Passeggiando nella labirintica ma amena “selva”, che ospita la mostra, allestita dall’architetto Michele Piva, il visitatore partecipa fisicamente dell’armonico dialogo fra gli imponenti “monumenti vegetali” incisi dalla Galli e i magnifici “inni alla notte” di Beth Moon, e recupera quel senso di appartenenza ad un unico soffio vitale, che, nel nostro tempo, la frenesia degli impegni quotidiani tende spesso ad atrofizzare.

Organizzata dalla Fondazione Federica Galli di Milano, con la collaborazione della Galleria PH Neutro di Pietrasanta e il coordinamento della dott.ssa Giulia Grassi, la rassegna comprende inoltre un ritratto di Federica Galli realizzato da Gianni Berengo Gardin e un testo critico del poeta e scrittore bergamasco Tiziano Fratus, ideatore dell’ “albero grafia” (una sorta di mappatura ideale delle specie arboree), che ripercorre, regione per regione, la storia delle foreste alpine.ffff

Così, assieme ai consueti abeti natalizi, altri alberi testimoniano l’inesauribile vitalità della natura, di cui anche noi uomini siamo una delle moltissime (e tra le più creative) manifestazioni.

Box informazioni:

Arborea. I monumenti vegetali di Beth Moon e Federica Galli

(16 dicembre – 12 febbraio 2017)

MUSE – Museo delle Scienze

Corso del Lavoro e della Scienza 3, Trento

Mar – Ven 10.00 – 18.00

Sab, Dom e festivi 10.00 – 19.00

Lunedì chiuso

Aperture straordinarie:

26 dicembre 2016 10.00 – 19.00

1 gennaio 2017 13.00 – 19.00

2 gennaio 2017 10.00 – 18.00

6 gennaio 2017 10.00 – 19.00

http://www.muse.it

 

Giada Sbriccoli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...