Uccelli del Paradiso


“Un attimo, un istante, le emozioni travolgono tutto.

Ogni sentimento viene annullato e ridotto al suo stato originario. Le barriere crollano,

tutto diventa un flusso irrefrenabile di impulsi, impuri e fragili, vittime degli eventi.”

Così recita il prologo che apre lo spettacolo, mentre la scena svela una tipica stanza di un manicomio. È il 1978, G. è un’imprenditrice in carriera, intraprendente e sicura di sé, ma anche una moglie annoiata, infelice e per questo infedele. La sua lucidità crolla all’improvviso quando scopre il tradimento del marito. Le basta un attimo per riscoprire la sua grande paura di essere abbandonata e un attimo per uccidere l’uomo e l’amante tagliandogli la testa. G. scappa e chiede aiuto ad A., suo amante e Direttore di un manicomio. A. la ama profondamente e decide di inserirla nella struttura che dirige per proteggerla e curarla.

Le cure che il Direttore immagina possano farle del bene, in realtà si rivelano essere soprusi e torture che la donna subisce da parte degli infermieri, tanto da ridursi a rifiutare il cibo e a non rivolgere parola a nessuno. Un evento esterno porterà un cambiamento drastico nella vita della paziente G.

Il disegno registico proietta lo spettatore sull’esperienza che la protagonista vive all’interno della stanza in cui è rinchiusa, concentrandosi sulla costruzione di una dimensione surreale resa attraverso i personaggi degli Specchi. Questi tre personaggi-oggetti, interpretati da attori-danzatori, interagiscono solo con la protagonista e rappresentano le sue proiezioni mentali, parti di se stessa che G. vede ma non riconosce, le cui voci la trasportano continuamente al giorno dell’omicidio, costringendola a riviverne il trauma.

Lo stato semi-cosciente in cui G. si trova, può essere considerato il baricentro che regola la divisione tra sogno e realtà, un baricentro che metaforicamente indica lo stato di confine tra una dimensione fatta di colori, di sfumature, di immaginazione e di libertà, all’interno della

quale è possibile sentirsi come Uccelli del Paradiso e una dimensione governata solo da leggi, false ideologie, costrizione e sopportazione.

LA COMPAGNIA

“La ricerca e sperimentazione che portiamo avanti affondano le loro radici nella necessità di portare alla luce eventi o idee spesso censurati nella vita di tutti i giorni, che creano una sorta di privazione sociale ingiustificata. L’obbiettivo che ci poniamo nel proporre questa tipologia di lavoro è quello di coinvolgere chi guarda all’interno di un ragionamento più ampio e lontano dai canoni classici. Di coinvolgerlo appunto in una spirale di condizionamenti mirati a farlo riflettere, instaurando a volte una “paura” positiva, ma atavica. Questo processo porta alla luce ciò che la società tenta di nasconderci, oscurarci. Nelle storie che raccontiamo, già di per sé riflessive, poniamo domande, creiamo riflessioni sotto diverse luci e punti di vista per meglio riconoscersi in ciò che li si vede, ma nel vero viene nascosto.”

 

23 | 24 | 25 gennaio 2017

TEATRO HAMLET

La Compagnia delle Origini

presenta

 

zzz

TEATRO HAMLET

Via Alberto da Giussano, 13 Roma (Pigneto)

Regia:

Riccardo Merlini

Con:

Domizia D’Amico Simona Sorbello Carlotta Sfolgori Antonella Petrone Valerio Francesca La Scala Macellari Lorenzo D’Agata

Assistente alla regia

Domizia D’Amico

Foto di scena

Andrea Mercanti

Ufficio Stampa

Thèatron 2.0

comunicazione.theatron@gmail.com http://www.theatron-2-0.org/

Spettacoli ore 21.00 | Biglietti : 12 euro intero – 10 euro ridotto

Info e prenotazioni email compagniadelleorigini@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...