Regine Sorelle


Il Teatro Kopó Roma e la Compagnia Teatro dell’Osso presentano Regine Sorelle con Titti Nuzzolese, per la regia del drammaturgo Mirko Di Martino, aiuto regia Claudia Moretti, i costumi affidati a Annalisa Ciaramella, in scena dal 24 al 26 febbraio alle 21, domenica doppia replica alle 17 e alle 21.min

Due donne, due sorelle, due mogli, due regine la cui sorte s’incontra fatalmente con gli eventi della grande Storia. Figlie di Maria Teresa d’Austria, Maria Antonietta e Maria Carolina furono sovrane in un’epoca tra le più turbolente, poiché segnata dalla Rivoluzione francese e dal successivo avvento della Repubblica napoletana. Antonietta e Carolina, da bambine, furono legatissime e a separarle furono proprio i loro rispettivi destini regali. La prima andò in sposa a Luigi XVI, per morire poi ghigliottinata in piazza a Parigi, al cospetto della folla che l’aveva prima amata e poi odiata. La seconda sposò il re di Napoli, Ferdinando di Borbone, per finire i suoi giorni, ormai sola e vecchia, da esiliata e lontana dalla città che l’aveva adottata e che lei aveva profondamente amato. Lo spettacolo Regine Sorelle è interpretato con straordinaria versatilità da Titti Nuzzolese che, attraverso il monologo, apre le porte dell’anima delle due protagoniste e non solo. Grazie all’alternarsi di comicità e di dramma, di storie e di voci, di emozione e di fascino, l’attrice riesce infatti a raccontare quel groviglio di esistenze famose e comuni che ruotarono attorno alle due protagoniste. Intorno a loro si muovono numerosissimi personaggi pittoreschi e intriganti, famosi e sconosciuti, che, ognuno a suo modo, con le sue caratteristiche e la sua lingua, raccontano un pezzo di storia di Napoli, di Parigi, d’Europa. Sullo sfondo c’è l’ingombrante figura di Napoleone Bonaparte e soprattutto la fine di un mondo e l’inizio di una nuova era. Parigi e Napoli divennero gli epicentri di trasformazioni epocali dalle quali è nata l’età contemporanea. Le due Regine Sorelle furono accomunate da un tratto sopra ogni altro: l’essere protagoniste e vittime inconsapevoli del potere. Entrambe scoprirono, quand’era troppo tardi, il vero significato del loro ruolo di regine. Entrambe furono innanzitutto figlie, donne, mogli, regine, ma soprattutto rimasero sorelle. La chiave del racconto è brillante, pop, moderna e colorata, divertente e giocosa, con un pizzico di nostalgia per un mondo irrimediabilmente scomparso.

Teatro Kopó Roma

Via Vestricio Spurinna, 47/49

00175 Roma

Tel.: (06) 45650052

Website: http://www.teatrokopo.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...