Torna e raddoppia Natura Dèi Teatri, il Festival di Lenz Fondazione. Si parte a giugno con Les Italiens


Diretto da Maria Federica Maestri e Francesco Pititto, Natura Dèi Teatri giunge alla ventiduesima edizione e allarga il proprio orizzonte, prevedendo una sezione estiva – dedicata ai nomi più interessanti della ricerca artistica del nostro Paese – e una autunnale, di respiro internazionale. Teatro, musica, danza, video e performance, anche frutto di prestigiose residenze internazionali, in scena a Lenz Teatro e in altri luoghi storici e monumentali di Parma. A partire dal 20 giugno.

Lo storico Festival Internazionale di Performing Arts Natura Dèi Teatri, diretto da Maria Federica Maestri e Francesco Pititto di Lenz Fondazione, torna e amplia la propria programmazione strutturandosi in due parti: la prima in apertura della stagione estiva, dal 20 giugno all’1 luglio e la seconda nella consueta collocazione autunnale, dal 18 al 25 novembre.

Natura Dèi Teatri porta a compimento il progetto dedicato all’artista visivo Richard Serra. Porte, Punto cieco e Scia sono i temi concettuali del triennio 2015-2017, il cui campo di indagine si orienta sul macrotema della Materia del Tempo nei linguaggi della creazione contemporanea. Scia è la suggestione dell’edizione 2017: «Solo il deserto lascia scie durature, tracce visibili fino al prossimo forte vento, fino alla prossima tempesta di sabbia» suggeriscono i direttori artistici «In fisica la scia è uno sconvolgimento prodotto in un fluido da un corpo in movimento che lo attraversa. Le particelle microscopiche del fluido creano una minuscola rete di fili che non corre così veloce e perciò si attarda, crea piccoli vortici e poi scompare. Nel deserto la sabbia, più pesante del fluido, rimane a segnare quel passaggio, lo disegna, lo conserva fino a quando può. Il lavoro dell’artista, come un corpo che corre e attraversa, lascia scie che hanno durate differenti: alcune rimangono un tempo breve, altre un tempo lungo, altre ancora per sempre. La scia traccia il tempo, la durata dell’opera d’arte e la potenza del suo corpo nell’attraversare lo spazio, la forza della sua corsa. La questione di un “campo spaziale-temporale” è stato motivo conduttore della nostra ricerca triennale sull’opera/esplorazione di Richard Serra nella quale la componente materica, installativa e visuale è stata chiave determinante per drammaturgia, corpo dell’attore, imagoturgia ed esperire dello spettatore. La Materia del Tempo di Richard Serra ci ha permesso di ideare un progetto che avesse di per sé “peso materico” e non fosse soltanto corsa di pensieri. Nel caso di Scia, pensiamo a un deserto di sabbia che possa tracciare i diversi passaggi, le orme delle corse creative degli artisti ospiti e nostre. Gli spazi da attraversare saranno diversi, tra monumento storico e vie urbane, tra edificio teatrale e museo contemporaneo, ognuno trasformato nel proprio deserto creativo, nel quale incidere scie di pensiero e di materia artistica. Fino alla prossima tempesta».

Ventidue anni di storia. Quattordici soggetti artistici in programma: Lenz Fondazione, Teatro delle Moire e Alessandro Bedosti, MK, Ginevra Panzetti e Enrico Ticconi, Opera, DOM-, Monica Bianchi e Tihana Maravić nella sezione estiva; Tim Spooner (Regno Unito), Carla Bozulich (USA), Robin Rimbaud aka Scanner (Gran Bretagna), Fiorella Iacono, Adriano Engelbrecht, Claudio Rocchetti e Monica Bianchi (Italia) in quella autunnale. Ventisei repliche per tredici proposizioni performative – di cui sei prime assolute. Due residenze internazionali: Robin Rimbaud e Tim Spooner. Una residenza nazionale: Monica Bianchi. Molteplici luoghi di spettacolo: la Crociera dell’ex Ospedale Vecchio, Scalone monumentale della Pilotta, Lenz Teatro e diversi spazi diffusi sul territorio urbano.

Natura Dèi Teatri 2017 si aprirà il 20 giugno con l’avvio dell’imponente progetto biennale di Lenz Fondazione dedicato alla Divina Commedia di Dante Alighieri, suddiviso in tre site-specific

performativo-musicali ispirati a Inferno, Purgatorio e Paradiso, realizzati in tre luoghi significanti della città di Parma, rispettivamente: il Termovalorizzatore (2018), la Crociera dell’ex Ospedale Vecchio – Archivio di Stato e il Ponte Nord: «Dal vuoto al pieno, dall’esclusione alla partecipazione reale del cittadino al suo patrimonio culturale e urbanistico, nuova geografia e recupero di bellezza sostenibile, ponte tra ponti, pensiero acquatico che scorre nel torrente in secca sotto il ponte che niente congiunge, arte/azione reale nel teatro che aspira al teatro ancor prima dell’ultimo muro, prima della “fine lavori”» riflettono Francesco Pititto e Maria Federica Maestri «Proporre una profonda riflessione su architettura, comunità e cultura, tramite un’indagine drammaturgica e installazioni performative site-specific significa collegare idealmente due periodi fondamentali della storia di Parma. Ricercare l’origine e specchiarla nel contemporaneo è sempre da stimolo per sentirsi parte di una grande tradizione e di un presente che possa esserne all’altezza. Edifici monumentali attraversati da monumentali opere letterarie, teatrali, musicali nelle forme artistiche più avanzate. Il grande monumento poetico di Dante rifrange la condizione umana e artistica degli attori sensibili del teatro di Lenz Fondazione nei luoghi della costrizione dolorosa, del teatro sospeso, dell’illusione».

«L’intera struttura dell’Ospedale Vecchio era organizzata intorno alla grande Crociera a forma di croce greca sormontata da una cupola, su ispirazione di analoghe strutture quattrocentesche» spiega Maria Federica Maestri, responsabile di installazione site-specific, elementi plastici, costumi e regia «ed è proprio in questa estensione spaziale in cui Asilo e Cura hanno ridonato per secoli dignità ai senza nome e ai poveri, che la fisica popolare dell’attore dialettale tornerà a ridare voce e senso agli spazi della crociera oggi vuoti e privati di funzione».

Aggiunge Francesco Pititto, che di Purgatorio cura drammaturgia e imagoturgia: «I penitenti di questo Purgatorio/Ospedale rigurgiteranno frammenti della loro lingua “di mezzo” dalle grandi bocche delle imponenti navate, dalla platea/incrocio priva di ogni arredo risuoneranno cadenze e ritmi popolari, dai varchi denudati delle antiche funzioni il dialetto si farà eco di nuove sofferenze dantesche. Tanti Daniel Arnaut contemporanei -il migliore dei poeti volgari tra i lussuriosi del canto ventiseiesimo- tanti espianti trovatori alla ricerca della preghiera che li conduca fino alla cima della montagna, fino al Paradiso Terrestre. A metà tra la poesia della lingua infernale -violenta, tragica, dannata- e la potenza sublime della voce corale del sacro paradisiaco, la lingua concreta della vita, originaria e cruda del dialetto ci restituisce dritta e gravida la verità della condizione umana, tra satira volgare e invenzione popolare».

Purgatorio di Lenz Fondazione, che debutterà alla Crociera dell’ex Ospedale Vecchio – Archivio di Stato martedì 20 giugno con repliche fino all’1 luglio, è realizzato – con il patrocinio del Comune di Parma – in collaborazione con il Coordinamento delle Compagnie Dialettali della città. Si avvarrà della musica e installazione sonora di Andrea Azzali e vedrà in scena Valentina Barbarini, Fabrizio Croci, Paolo Maccini, Frank Berzieri e Delfina Rivieri insieme alle attrici e agli attori delle Compagnie dialettali di Parma Roberto Beretta, Sonia Iemmi, Ylenia Pessina, Mirella Pongolini, Cesare Quintavalla, Silvia Reverberi e Valeria Spocci.

Ospitalità.

Il Teatro delle Moire e Alessandro Bedosti, artista già ospite del Festival Natura Dèi Teatri, giovedì 22 giugno presenteranno Vous êtes pleine de désespoir, esercizio di riflessione e di ri-fondazione intorno al mito della sirena: «La figura che qui viene evocata è ben lontana dall’ottimismo di certe pose o di certe immagini della società contemporanea. è una creatura scartata, caduta, fallita, una massa scura irriconoscibile, ripescata da fin troppo domestiche profondità marine. è un corpo anfibio immobile, silenzioso, che emana una disperazione sorda e ostinata quasi fosse il canto invincibile e dolente di una divinità scaduta eppure ancora attraente, docile e piena di mistero».

«I giardini sono spesso considerati luoghi ideali, simboli del piacere e del diletto, connessione armoniosa tra uomo e natura. Nel progettarli, il nostro desiderio di dare forma ad un mondo di ideale rigoglio e bellezza, benessere e serenità, culmina in un’eco nostalgica che richiama il Giardino

dell’Eden. In egual modo i giardini sono espressione di un’assoluta forza antropocentrica che plasma la natura secondo un modello che le è completamente estraneo»: martedì 27 giugno Ginevra Panzetti e Enrico Ticconi, duo artistico che dal 2008 conduce una ricerca che intreccia danza, performance e arte visiva, proporranno Le Jardin, spettacolo nel quale «due figure vagano in un paesaggio immaginario costantemente trasformato dai loro gesti. Esaminano e plasmano l’intorno imbarcandosi in una prova di forza tra loro e ciò che li circonda».

Opera, gruppo di ricerca artistica diretto dal regista e artista visivo Vincenzo Schino e dalla danzatrice e coreografa Marta Bichisao, giovedì 29 giugno presenterà MA#MUSEO: «L’ideogramma giapponese tradotto con la parola MA è uno speciale tipo di sensibilità estetica esprimibile come uno spazio vuoto, un silenzio o un’immobilità tra due cose. La danza dialoga con un’architettura di sculture mobili in fil di ferro e virtuali, proiezioni video e luce. Il suono è raccolto dal vivo dal movimento degli oggetti e restituito sotto forma di live electronics».

Progetti site-specific.

Sabato 24 giugno la Compagnia MK leggerà alcuni spazi nel centro storico di Parma con Veduta: «È un formato modulare» suggerisce il coreografo Michele Di Stefano «con cast e durate variabili, dedicato alla città e alla visione prospettica del paesaggio urbano. Il pubblico fruisce la performance in cuffia, affacciato ad un punto panoramico da individuare di volta in volta. Il punto di vista è ampio e può interessare spazi molto vicini e molto lontani, collegati tra loro dalla traccia sonora (registrata in olofonia con una forte impronta cinematografica) e dalla dislocazione dei performer». A Parma, Veduta sarà interpretata da Biagio Caravano, Roberta Mosca e Laura Scarpini. Le musiche sono di Lorenzo Bianchi Hoesch, che ha ideato Veduta insieme a Michele Di Stefano.

Sabato 1 luglio è in programma MU – metafisica urbana a cura di DOM- ( un progetto nato nel 2014 dalla collaborazione tra Leonardo Delogu e Valerio Sirna che indaga il linguaggio delle performing arts): «MU è un’esplorazione dentro la città di Parma, un esercizio di contemplazione e di speculazione filosofica in movimento. Si appoggia sul concetto di thinking by making, cioè sulla capacità di imparare e di elaborare pensiero a partire dall’esperienza sensibile. A seguito di un periodo di residenza, navigando dentro le trame della città e dentro i principi filosofici che inspirato la nuova edizione del Festival Natura Dèi Teatri, DOM- compone un viaggio a piedi tra i paradossi urbani, porta il pubblico dentro quei paesaggi attuali, volto in ombra del tempo presente, che se attentamente osservati aprono questioni profonde sul nostro abitare la terra, sul nostro essere specie umana, comunità, a volte spina della creazione, a volte espressione felice delle forze vitali. I partecipanti saranno chiamati a mettersi in viaggio per un tempo di qualche ora intorno all’imbrunire, dentro un atto collettivo che terminerà con un brindisi».

Residenze produttive.

Venerdì 30 giugno Monica Bianchi, artista in residenza a Lenz Teatro per il biennio 2017-2018, presenterà in forma di studio Trash Vortex: «Una scia di rifiuti plastici è trascinata dalla corrente del Nord Pacifico verso la latitudine dei cavalli, la zona delle calme equatoriali o dei venti estremamente variabili. Un’area difficile da superare e spesso i velieri, per carenza d’acqua, sacrificavano i cavalli, che venivano gettati in mare. Se il vento rifiuta, la sua direzione contraria ci obbliga a uno scarto per mantenere la rotta. Ci sono scarti e scarti: paperelle di plastica e cavalli lanciati nel vuoto. E ci sono gli scarti del cavallo, che oppone il rifiuto all’ostacolo, in disobbedienza al cavaliere. Aprire una via è un gioco fra le parti che consuma». Lo spettacolo debutterà nella sua versione definitiva nella sezione autunnale di Natura Dèi Teatri.

Presentazioni di libri.

La studiosa di teatro e arti performative Tihana Maravić giovedì 22 giugno proporrà un dialogo a partire da Vado a prendermi gioco del mondo. Dal folle in Cristo in Bisanzio e in Russia, al performer contemporaneo (Firenze, La Casa Usher, 2016): «Il folle in Cristo è una figura complessa. È allo stesso tempo un buffone, un profeta, un guaritore, un convertitore, un visionario. Maravić

mette in relazione la contraddittoria e paradossale figura del folle in Cristo, con il teatro contemporaneo. Questo studio restituisce vitalità a un custode di una conoscenza antica e dimenticata e serve da veicolo per una lettura filosofica e antropologica dell’arte attoriale e della funzione del performer».

Natura Dèi Teatri – Autunno – Les Étrangers.

La sezione autunnale di Natura Dèi Teatri, in partenza sabato 18 novembre, avrà come protagonisti Tim Spooner (Regno Unito), Carla Bozulich (USA), Robin Rimbaud aka Scanner (Gran Bretagna), Claudio Rocchetti (Italia), Adriano Engelbrecht (Italia), Fiorella Iacono (Italia) e Monica Bianchi (Italia). Approfondimenti su artisti e opere saranno diffusi a tempo debito.

Sono proteiformi e stratificate le linee tematiche e poetiche disegnate dalla Direzione Artistica di Natura Dèi Teatri 2017 (attraversamenti danteschi, danza, rapporto con gli spazi urbani, dialogo contemporaneo con la classicità e il Mito, ricerca performativa internazionale): una mappa da leggere con attenzione, in cui perdersi, con cui interagire.

Natura Dèi Teatri è un progetto di Lenz Fondazione che si realizza grazie al sostegno di: MiBACT_Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, Dipartimento Assistenziale Integrato di Salute Mentale – Dipendenze Patologiche AUSL di Parma, Fondazione Monte di Parma, Università degli Studi di Parma, Complesso Monumentale della Pilotta, Aurora Domus Cooperativa Sociale ONLUS.

Un ringraziamento speciale per la realizzazione del progetto Purgatorio alla Biblioteca Civica di Parma e all’Archivio di Stato di Parma.

Per informazioni: Lenz Teatro, Via Pasubio 3/e, Parma, tel. 0521 270141, 335 6096220, info@lenzfondazione.ithttp://www.lenzfondazione.it.

Michele Pascarella

Ufficio stampa Lenz Fondazione

346 4076164 press@lenzfondazione.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...