Viva Vivaldi The Four Seasons Mistery: la proposta che mancava a Venezia


Giovanni Bastianelli, direttore esecutivo dell’Enit, Agenzia Nazionale del Turismo, ha pa-role di apprezzamento e di incoraggiamento per il nuovo format artistico culturale inau-gurato lo scorso maggio a Venezia

«A Venezia mancava una proposta del genere»: così Giovanni Bastianelli, direttore esecutivo dell’ Agenzia Nazionale Italiana del Turismo, si esprime a proposito di Viva Vivaldi The Four Seasons Mistery, l’inedito format culturale e artistico, inaugurato a Venezia nel Museo Diocesano lo scorso 13 maggio, e che dall’Enit ha ottenuto il patrocinio.

Sono parole di apprezzamento quelle utilizzate da Bastianelli, presente il giorno dell’inaugurazione, e che, nel corso di una intervista rilasciata per i nostri canali social, aggiunge: «Il racconto fatto dagli autori di questo percorso basato sul compositore veneziano che si posiziona tra i più conosciuti al modo mi è sem-brato molto bello e molto utile alla città di Venezia perché a Venezia una cosa del genere non c’era».

Un nuovo modo per far vivere un’esperienza legata ad un grande compositore della città di Venezia: Viva Vivaldi è una proposta inedita costruita con una notevole creatività. «Non basta Viva Vivaldi per cambiare

la tipologia del turismo che c’è in questo momento a Venezia – spiega Bastianelli -, ma è senz’altro un pri-mo passo fondamentale per far comprendere che Venezia può essere più dinamica, può usare il proprio patrimonio culturale anche in una maniera più creativa e offrire l’opportunità ai turisti di vedere le cose sotto un alto punto di vista. Viva Vivaldi è un esperimento che la città stessa dovrebbe seguire».

E se per Viva Vivaldi The Four Seasons Mistery ad oggi visitata per l’85% da stranieri (di cui la maggior parte in arrivo da Stati Uniti, Canada e Australia e Sud America mentre per quanto riguarda l’Europa i francesi mantengono il primato oltre agli italiani, a seguire inglesi, tedeschi e spagnoli e russi), presente su portali come Tripadvisor e da poco anche su Viator, l’obiettivo è quello di arrivare ad essere tra le prime dieci cose da visitare a Venezia, quella delineata dal direttore esecutivo dell’Enit si profila come una sfida ancora più ardua, ma senz’altro appassionante: «La grande sfida verso i turisti per una città come Venezia non è quella di farli andare a Venezia, perché una volta nella vita tutti verranno, ma è quella di farli tornare. Viva Vivaldi fa parte di quelle cose che possono permettere ad un turista di avere un buon motivo per tor-nare a Venezia».

Per Informazioni:

Elena Grazini

Advisor Comunicazione

Viva Vivaldi The Four Seasons Mistery

338 190 24 36

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...