Archivi categoria: Arti visive

Il barocco maturo italiano nel confronto tra Guercino e Preti. A Taverna la prima tappa espositiva

Guercino: Seppellimento di Santa Petronilla

L’arte di Mattia Preti rivive in un incontro con l’opera di Giovanni Francesco Barbieri, meglio noto come il Guercino, grazie alla mostra in due tappe Guercino-Preti a confronto, la nuova linea dell’arte barocca, visitabile dal 12 agosto al 18 novembre 2017 presso il Museo civico di Taverna. Proprio dal piccolo centro catanzarese, paese natale di Preti situato ai piedi della Sila, prende avvio un itinerario espositivo dedicato ai due protagonisti del Barocco italiano, che si sposterà in seguito a Cento, cittadina natia di Guercino. Continua a leggere

Oltre la tela. I segreti del Caravaggio a Palazzo Reale di Milano

San Giovanni Battista

Prenderà avvio il prossimo 29 settembre a Milano la mostra Dentro Caravaggio, in omaggio all’artista Michelangelo Merisi nato nel capoluogo lombardo in questa stessa data nel 1571. A Palazzo Reale saranno ospitate diciotto opere del pittore divenuto oggetto di riscoperta e di trattazione dello studioso Roberto Longhi, che nel 1951 lo celebrò con un progetto espositivo presso la sede milanese. Continua a leggere

“CROMOLOGIA” I paesaggi di Franco Fontana in mostra a Torino

Dal 13 luglio al 23 ottobre 2017, il Palazzo Madama di Torino ospita, presso la Corte Medievale, la mostra Franco Fontana. Paesaggi, a cura di Walter Guadagnini (direttore di CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia di Torino). La rassegna, realizzata con la collaborazione della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la Città Metropolitana di Torino, presenta la più che cinquantennale carriera artistica del celebre fotografo Franco Fontana (Modena, 1933), attraverso una selezione di venticinque grandi immagini, appartenenti all’UniCredit Art Collection. Continua a leggere

Manfredonia, la mia amata Sole e colori dell’arte

Molti artisti stranieri hanno scelto il Gargano, in particolare il Golfo di Manfredonia e in generale tutta la provincia di Foggia, come “scorcio” ispiratore della loro opera. Questa meravigliosa zona della Puglia, con i suoi suggestivi scenari naturalistici, le bellezze artistiche e architettoniche, il suo sole che esalta i meravigliosi colori del Sud, sono l’ambiente perfetto per chi vuole rappresentare la bellezza che lo circonda. Vhoss, Lettl, Beuys sono solo alcuni esempi di pittori che hanno soggiornato a lungo nel Gargano; si potrebbe quasi dire che la Puglia è stata per gli artisti tedeschi ciò che la Provenza è stata per gli Impressionisti. Continua a leggere

DENTRO E FUORI IL LABIRINTO: IL FILO DI ARIANNA E LA MANO DI DEDALO Natura(l)mente

Dal 22 luglio al 24 settembre 2017, Merano Arte ospita le mostre personali di Helen Mirra (Rochester, New York, 1970), Camminare, tessere, e di Gianni Pettena (Bolzano, 1940), Architetture naturali, a cura di Christiane Rekade. Filo conduttore delle due esposizioni è l’ininterrotto dialogo tra natura e cultura, con particolare riferimento ai paesaggi del Trentino-Alto Adige e degli Stati Uniti, un dialogo che da sempre guida i due artisti nella ricerca di nuove forme di ascolto e di espressione. Continua a leggere

Classicità e modernità: la sintesi di un’eterna bellezza in mostra a Rovereto

Carrà, Casorati, de Chirico, de Pisis, Savinio, Severini, Sironi, oltre a Bucci, Donghi, Dudreville, Funi, Malerba, Martini, Oppi e Wildt: la storia dell’arte italiana del primo Novecento si è arricchita dei contributi di artisti dal linguaggio innovativo e dalla produzione diversificata, al tempo stesso ispirati dall’antico e proiettati al moderno. Al periodo tra le due guerre ed il ventennio fascista, e ad alcuni tra i maggiori protagonisti in campo figurativo guarda l’esposizione Un’eterna bellezza, in programma al Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto dallo scorso 2 luglio. Continua a leggere

Pintoricchio, pittore dei Borgia. Il mistero svelato di Giulia Farnese Un triangolo di bellezza e intrigo

Come in un affascinante romanzo d’amore, la mostra in programma ai Musei Capitolini racconta la storia di un triangolo fatale. I protagonisti sono un Papa, Alessandro VI Borgia, personaggio a dir poco controverso, la di lui amante adolescente, cortigiana raffinatissima, Giulia Farnese e uno dei più grandi maestri del nostro Rinascimento, Bernardino di Betto, detto Pintoricchio. Continua a leggere